LA SITUAZIONE E’ GRAVE! COSA FARE E COSA NON FARE

Stamane al risveglio sono stato piacevolmente sorpreso dalla neve!!! Bellissima, soffice e delicata, la neve è un vero miracolo della natura!!! In fondo la natura in sé è un miracolo come pure il perpetrarsi della vita in tutte le sue forme.
Per fortuna oggi è una giornata ‘ad uccello’ (libero cioè da ogni impegno scegliendo di fare ciò che più mi aggrada), posso non cogliere l’opportunità di camminare in mezzo al bosco innevato? Certo che no! Mi sono quindi preparato in fretta con l’entusiasmo di un bambino desideroso di toccare la neve, doccia, la barba oggi non serve, colazione frugale, giacca, indosso infine le scarpe e… finalmente esco. Davanti a me un paesaggio da favola…la neve ha ammantato i boschi nella montagna davanti a casa mia rendendoli insolitamente bianchi e vitrei… non definiti nelle forme, aumentando l’effetto magico della neve.
Subito mi sono incamminato nel sentiero e mi sono stupito di essere il primo a calcarlo, nessuna impronta mi precede… che strano… possibile che nessuno abbia avuto la mia stessa idea?
Noncurante della cosa proseguo in direzione del mio amico albero con cui ho condiviso importanti momenti della mia recente vita. Il mio amico è in semi ‘letargo’ a motivo dell’inverno e anche se percepisco che la sua energia è ridotta di molto, continuo ad abbracciarlo e a parlargli delle mie ultime riflessioni, lui ascolta e sembra gradire. Oggi però è dispettoso, continua a lanciarmi grosse gocce d’acqua che, cadendomi in testa mi danno ogni volta un brivido di freddo, decido allora di uscire dal di sotto dei suoi rami e mi metto al centro di una piccola radura ad ascoltare le frequenze del bosco innevato. Entro subito in Presenza e una profonda pace avvolge il mio cuore.
Dopo qualche minuto di Presenza comincio a riflettere su alcune cose… Ieri sera la mia amica Monica mi ha mandato una mail che denunciava il tentativo dei politici italiani di far approvare una legge, con il fine ultimo di obbligare ogni italiano all’utilizzo delle transazioni elettroniche per qualsiasi spesa. La cosa mi induce a fare delle considerazioni dentro di me che si aggiungono alle tante già fatte, che portano tutte alla stessa conclusione. Stanno tentando di renderci sempre più schiavi del ‘sistema’ nell’intento di privarci gradualmente delle libertà fondamentali, tra cui quella di poter scegliere autonomamente.
Lo stato italiano, come pure la comunità europea si arrogano il diritto di scegliere per noi cosa sia ‘meglio per tutti’ privandoci così piano piano del diritto individuale di poter scegliere.
Ci vogliono far credere che l’intento sia quello di salvaguardare i diritti individuali e quelli collettivi ma ormai, solo gli allocchi credono a queste bufale. L’unico o principale intento e di renderci sempre più schiavi e dipendenti dal sistema con l’intento di utilizzarci per i loro interessi economici, per i loro profitti. Cosi ché l’Europa che ci hanno fatto sognare con l’abolizione delle frontiere e delle divisioni nazionali, si rivela infine solo un piano degli istituti finanziari per renderci tutti euro-schiavi.
La cosa è molto grave in realtà e merita tutta la nostra attenzione. Bisogna tuttavia evitare di cadere in alcune trappole già preparate per gli ignari che sono pronte a scattare ogni qual volta entriamo in reazione. La paura è la principale emozione che può indurci a reagire anche violentemente agli abusi del sistema politico-economico. La paura della paura ci rende invece incapaci di reagire restando paralizzati. Entrambe le posizioni sono a mio avviso da evitare.
Da tempo scrivo sulla necessità di essere Consapevoli sotto il profilo mentale, biologico e dell’Essere come unico modo di porci di fronte agli abusi di potere. Infatti nel momento in cui mi pongo in reazione davanti ad una ‘ingiustizia’ o abuso di autorità darò ulteriore energia agli oppositori nel portare avanti i loro piani. Pertanto la miglior risposta è ignorarli affinché non abbiano alcun sostegno, diretto o indiretto, da parte nostra. Nel contempo però è pure necessario capire quali azioni intraprendere e quali non intraprendere per rimanere coerentemente sostenitori della libertà e sovranità individuale e collettiva.
Quantisticamente abbiamo capito che quello che pensiamo, progettiamo e facciamo realizza la realtà così come la percepiamo, per cui non serve che ce la raccontiamo…quello che vediamo intorno a noi è il risultato del nostro lavoro mentale conscio ed inconscio. Se partiamo da questa considerazione diventiamo pienamente responsabili non solo di ciò che facciamo ma anche di ciò che pensiamo come pure di ciò che non facciamo. Le stesse paure che appartengono al nostro inconscio contribuiscono a creare la realtà. Dobbiamo quindi, prima di tutto diventare Consapevoli di tutto questo ed imparare ad osservare le nostre paure risolvendole nell’armonia dell’Essere interiore e a pensare e osservare tutte le cose belle che ci circondano. Conviene che rinunciamo ad avere tutte le soluzioni ai problemi, in quanto non siamo in grado di arrivare alla verità in senso assoluto, possiamo però percepirla attraverso la contemplazione delle bellezza, ovunque essa sia presente, che è una manifestazione della verità! E’ inutile porci tanti ‘perché’ sulla ragione delle cose, è molto più utile concentrarci sul ‘come’ vivo la mia vita e così pure su quale contributo sto dando per un mondo migliore e più libero.
Ad esempio, io che mi occupo di medicina naturale vedo chiaramente la visione ipnotica della medicina convenzionale in relazione alla ‘malattia’ come pure osservo che ai medici viene insegnato dalle case farmaceutiche e dai baroni della medicina a prescrivere farmaci di cui sanno poco, per curare malattie di cui sanno ancor meno, per darli a persone di cui non sanno nulla. Questa è proprio medicina ipnotica e dis-umana, non rispettosa cioè dell’individuo e dei suoi reali bisogni. La Nuova Medicina scoperta dal dr Hamer si pone in un modo completamente diverso uscendo dalle ipnosi delle diagnosi di malignità e ponendo l’individuo al centro della gestione del processo naturale chiamato ‘malattia’. Poteva un sistema così fortemente finalizzato a vedere le persone come mezzi per arricchire permettere ad una simile visione di emergere liberamente? Ovviamente no! Troppi interessi minacciati! Meglio perseguitare e diffamare chi propone una medicina a misura d’uomo e continuare a produrre farmaci che non curano in realtà ma hanno il grosso ‘pregio’ di indurre le persone a diventare malati cronici, clienti delle case farmaceutiche fino alla loro morte. Meglio continuare a formare medici, nelle università finanziate dalle case farmaceutiche, che conoscono solo l’utilizzo dei farmaci come panacea per tutti i mali e a cui viene fatto credere di avere in mano la salute dei loro pazienti.
Questo esempio di condizionamento ipnotico può essere osservato in molti altri ambiti. Non è solo nella medicina che i poteri economici esercitano la loro potente influenza ma anche nelle religioni, nei governi, nelle istituzioni non governative e perfino nelle organizzazioni filantropiche o finalizzate alla ricerca scientifica per ‘il bene’ dell’essere umano. Quasi nessuno sfugge alla loro influenza.
Detto questo sembra che il quadro si presenti molto triste e scoraggiante, ma non disperiamo, come dice il proverbio: ‘il diavolo fa le pentole ma non i coperchi’; questi signori hanno tralasciato un particolare molto importante che alla fine gli si rivolterà contro. Hanno introdotto nelle loro organizzazioni per il controllo dell’umanità una sorta di ‘cavallo di Troia’, un elemento apparentemente innocuo che alla fine causerà il fallimento di questi piani per il dominio del mondo. Qual’è questo elemento?
L’ESSERE UMANO!
Si proprio così, sempre più persone stanno diventando Consapevoli e stanno ritirando gradualmente il loro sostegno al sistema privandolo di un elemento indispensabile: il consenso. Vedo per esempio che sempre più persone chiedono consulenza a Naturopati, operatori della Nuova Medicina e altri operatori olistici preferendo un approccio umanistico alla persona rispetto all’approccio dis-umano della medicina commerciale. Queste persone diventeranno sempre di più e costringeranno così il sistema ad entrare in crisi. La dissidenza nasce soprattutto all’interno delle istituzioni mediche con medici che si rifiutano di continuare a credere e a praticare una medicina che non tiene in considerazione il malato e che opera quasi esclusivamente su criteri di profitto economico e consumistici. Il cavallo di troia sono quindi tutte quelle persone che operano all’interno del sistema oppressivo che divenute ‘risvegliate’ operano in direzioni opposte a quelle indicate dal sistema facendolo inceppare o addirittura impazzire. Questa sarà a mio avviso la ‘rivoluzione delle coscienze’. Quando l’oppressore e l’oppresso condivideranno lo stesso bisogno di libertà il ‘sistema’ salterà, basta solo aspettare.
Nel frattempo non perdiamo l’occasione di operare coerentemente per la propria e altrui libertà aiutando altri a ‘risvegliarsi’ dalle ipnosi che ci hanno indotto senza tuttavia alimentare in alcun modo ideologie, atteggiamenti e reazioni di tipo violento. La ‘rivoluzione delle coscienze’ è oramai inevitabile e necessaria per costruire una società a misura d’uomo rispettosa dell’Essere Umano e dei suoi bisogni fondamentali, in primis quello della libertà, ma anche rispettosa del nostro splendido pianeta vivente Gaja e della sua biodiversità.

One comment on “LA SITUAZIONE E’ GRAVE! COSA FARE E COSA NON FARE
  1. Giorgio Andretta ha detto:

    Nel solco di questa nuova consapevolezza invito tutti a partecipare al I° Festival dell’antropocrazia che si terrà al Palazzo dei congressi di Montegrotto Terme (PD) in via Scavi i gg.21 e 22 settembre p.v. dalle ore 09.00.
    Buona partecipazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*